Blog Risto 3

News, Curiosità e Storie da Risto 3
Simone Passamani

CambiaMENTE! Come ridurre lo spreco di cibo?

CambiaMENTE! Come ridurre lo spreco di cibo?

La sostenibilità è un'evoluzione di pensiero … CambiaMENTE! racconta le esperienze di aziende e realtà virtuose che si impegnano in progetti innovativi di recupero, donando una seconda vita ai loro prodotti. Dagli scarti alimentari che non diventano più rifiuti ma rientrano nella filiera produttiva trasformati in un prodotto o in composti differenti, ai materiali preziosi delle nostre montagne, recuperati e immessi in una filiera sostenibile, che deve tutto ai lavori tradizionali e alle buone idee.
Per parlare assieme di recupero delle eccedenze, di riduzione degli sprechi e gestione delle risorse tenendo un occhio aperto sul mondo.
Organizzato da: Comunità della Valle dei Laghi, Risto 3 s.c..

CambiaMente!

Martedì 16 aprile 2019
Sala Conferenze, MUSE, Corso del Lavoro e della Scienza 3, Trento 
20.30
Ingresso libero

Info n. 0461.1734428

...
Continua a leggere
616 Visite
Alessandra

COMUNITA' VALLAGARINA, RISTO 3,BANCO ALIMENTARE: progetto recupero pasti non consumati.

COMUNITA' VALLAGARINA, RISTO 3,BANCO ALIMENTARE: progetto recupero pasti non consumati.

SCUOLE VALLAGARINA: PROGETTO RECUPERO PASTI NON CONSUMATI.
progetto sperimentale della Comunità di Valle,Risto3 e Banco Alimentare.
Il cibo avanzato nelle mense scolastiche, da oggi, non finirà più nella pattumiera ma sarà conservato e distribuito ai poveri. Il progetto sperimentale della Comunità di Valle, «Zero a scuola», parte infatti questa mattina grazie all'acquisto di tre abbattitori consegnati alle prime tre mense gestite dalla Risto3 alle elementari di Villa Lagarina e alle Filzi e Alighieri di Rovereto. L'ente intermedio ha investito molto negli anni per trasformare la mensa scolastica in un luogo di formazione e informazione per gli utenti più giovani. E, non a caso, si insegna ai ragazzi la cultura e il rispetto del cibo oltre ad assicurare l'educazione e la sicurezza alimentare. A questo, dunque, si aggiunge il recupero degli avanzi, un'iniziativa che segue quella già avviato della riduzione degli sprechi. I pasti avanzati d'ora in avanti saranno consegnati al Banco Alimentare per essere distribuiti a chi non può permettersi nemmeno di mangiare. «Non butteremo via più niente. Il cibo non consumato sarà donato a chi non ce l'ha. - spiega l'assessore Enrica Zandonai Non sono grandi numeri, in verità, visto che in passato è stata effettuata una rilevazione sullo scarto. Ci tengo a ricordare, però, che non si tratta di quello che rimane nel piatto ma di quello che avanza nella padella. Grazie ad una App elaborata da Fbk, a fine giornata la cuoca rileva quanto rimasto (una teglia di pasticcio piuttosto che l'arrosto), carica i quantitativi e la tipologia della pietanza e in tempo reale il Banco Alimentare e l'associazione che si occupa della raccolta vedono cosa c'è disponibile e il mattino dopo passano a prenderlo. Siamo partiti con le tre scuole dove di solito si avanza più roba ma l'idea è espandersi alle altre. Nel frattempo continua la lotta agli sprechi con progetti rivolti ai bambini per stimolarli ad assaggiare tutto e non prendere il bis se non si mangia. Qualcosa però lasciano lì, soprattutto le verdure cotte». Gli studenti, in Vallagarina, sono 11.810 e mangiano tutti i giorni nelle 29 mense gestite dalla Comunità di Valle e affidate alla Risto3 (tutte dotate di cucina tranne tre strutture che ricevono i pasti dall'esterno comunque confezionati in una cucina scolastica), dove lavorano più di 120 donne. Ogni anno si confezionano più di 950.000 pasti, si consumano quasi 40 tonnellate di pane e 272.478 chili di frutta e verdura: 74.584 convenzionata, 119.355 bio, 78.539 a chilometro zero. Le mense lagarine, tra l'altro, sono passate al microscopio per scongiurare la presenza anche di un solo microbo e il menù è studiato per essere consono ai principi che da un paio di lustri distinguono il servizio: qualità delle materie prime, preferenza al biologico, filiera corta, consulenza dietistica, continui controlli. Senza dimenticarsi delle pesature nell'ottica di eliminare sprechi e attivando i circuiti solidali per le eccedenze. Massima attenzione viene data a come si cucina: le tecniche utilizzate per la cottura sono in acqua, a vapore, brasata o al forno. Non si utilizzano poi la frittura, la griglia e il forno a microonde. Biologici anche i prodotti come pasta, riso, farina bianca, farina gialla, polpa di pomodoro, aceto di mela, legumi secchi e piselli surgelati. Lo stesso vale per burro, latte, ricotta e mozzarella e i prodotti lattiero-caseari sono rigorosamente locali. E per cuocere e condire si adopera solo l'olio extravergine d'oliva. Infine, in tema di sensibilità ambientale nelle mense si utilizzano tovagliette, tovaglioli e rotoloni in Fiberpack, un materiale ottenuto dal riciclo delle fibre di cellulosa presenti nei cartoni per bevande, in tal modo si contribuisce ogni anno a recuperare 128 mila cartoni tetrapack, salvare 60 alberi e evitare l'emissione di 3.368 chili di Co2.(Adige 19/03/2019)

Continua a leggere
597 Visite
Alessandra

MIGLIORI MENSE IN ITALIA: TRENTO AL SECONDO POSTO con RISTO 3

MIGLIORI MENSE IN ITALIA: TRENTO AL SECONDO POSTO con RISTO 3

Per il servizio di mensa scolastica, l'impegno della Comunità Valle dei Laghi, capofila delle Gestioni associate, ha portato, per il terzo anno consecutivo,alla conferma della città di Trento per le migliori mense scolastiche in italia.(articolo da Il Trentino 6/2/2019)

articolo

Continua a leggere
430 Visite
Alessandra

CLA, affidata la gestione di due convitti a Bressanone

CLA, affidata la gestione di due convitti a Bressanone

Consorzio Lavoro Ambiente ha vinto l’appalto per la gestione di due convitti in centro storico a Bressanone: il “Marianum” da 70 posti letto e il “Maria Ward” da 110. E l’ha fatto acquisendo tutto il personale in forza alla precedente gestione, anche se il bando non prevedeva alcun obbligo. Nel capitolato di gara, infatti, non era inserita la cosiddetta ‘clausola sociale’, ma CLA ha scelto di mantenere comunque gli occupati precedenti, garantendo loro le stesse condizioni economiche e contrattuali godute con la gestione uscente, compreso l’integrativo aziendale. Un sacrificio economico, certo, ma che rivela serietà e responsabilità sociale.
Le due strutture ospitano le studentesse delle scuole superiori della città altoatesina che abitando nelle vallate preferiscono vivere a Bressanone durante la settimana per risparmiare i tempi dei collegamenti.
“Con questa nuova acquisizione – commenta Germano Preghenella, presidente di CLA – abbiamo l’occasione di accreditarci ulteriormente nel mercato altoatesino. Per questo stiamo lavorando in piena collaborazione con le realtà istituzionali locali, utilizzando fornitori del posto ed integrandoci nella comunità territoriale”.
Per organizzare il servizio, CLA ha coinvolto quattro cooperative socie: Lagorai per pulizie, sanificazioni e coordinamento operativo; Multiservizi per la metà degli operatori pedagogici e la manutenzione del verde; Risto3 per la preparazione dei pasti nelle cucine dei convitti; CSU, Cooperativa Servizi Urbani per l’altra metà degli operatori pedagogici. Da due anni CSU è associata a CLA e rappresenta una importante realtà cooperativa nell’ambito dei servizi a Bolzano, aderente a Legacoop. (da newscoop 26 Febbraio 2019)

Continua a leggere
391 Visite
Alessandra

RISTO 3 e LILT- MARCIALONGA STARS -Tesero 26 gennaio 2019

RISTO 3 e LILT- MARCIALONGA STARS -Tesero 26 gennaio 2019

2019 marcialonga stars

test

Continua a leggere
589 Visite
logoapibimiRisto 3 sostiene l'Associazione APIBIMI onlus.
Sostienila anche tu!

FamilyAudit-logo