Storie Alimentazione: falsi miti e sane abitudini

L’idea di questa rubrica è nata durante le attese fuori dai cancelli delle scuole dove, tra saluti frettolosi e scambi di comunicazioni tra i genitori, trovano posto confronti e discussioni talvolta accese sul tema dell’alimentazione di bambini e ragazzi.

Ma perché creare l’ennesima rubrica sull'alimentazione? Non ce ne sono già fin troppe nel web?

Purtroppo è vero, il web è pieno di rubriche che parlano di alimentazione ma troppo spesso non c’è alcuna scientificità in quanto scritto. La corretta alimentazione e sicurezza alimentare sono per Risto3 un impegno quotidiano per la salute e il benessere delle più di 40.000 persone che ogni giorno mangiano con noi.

La rubrica è a firma della dietista Martina Zampiero che si è messa a vostra disposizione. Siamo certi ci sia la necessità di favorire la consapevolezza e lavorare insieme (esperti, bambini ed adulti) per la prevenzione. Serve risvegliare la criticità e la voglia di chiarezza che utenti e genitori responsabili ci richiedono quotidianamente. E, perché no, parlare anche di curiosità nuove o vecchie sul mondo dell’alimentazione.

Le opinioni personali sul cibo e le abitudini alimentari familiari non preoccupano un esperto in alimentazione. Sono invece le frasi sempre più frequenti che rimbalzano di bocca in bocca e che iniziano con “ho letto che” e “ho sentito dire che” quelle veramente temibili, che tramutano un vivace e costruttivo momento di aggregazione in un concentrato di dis-informazioni. Il tema dell’alimentazione in età scolare e adulta è senza dubbio stimolante e, grazie a giornali, riviste, radio, televisione e social network, sta diventando sempre più fruibile da parte dei non addetti ai lavori: hai un dubbio? Chiedi a dottor Google.  Lo scalpore crea curiosità e richiama l’attenzione, così la notizia di una nuova dieta rapidissima e miracolosa scoperta tramite passaparola sorpassa e insabbia pagine e pagine di letteratura medico scientifica che di male non ha fatto altro che omettere le parole “rapidissima” e “miracolosa” nei suoi articoli.

Con l’alimentazione però non si scherza. La superficialità e l’errore possono avere conseguenze sulla salute anche gravi, sia che si tratti di bambini che di adulti. Eliminare certi alimenti perché additati come dannosi, consumarne altri in gran quantità perché descritti come panacea di tutti i mali o seguire strampalati piani alimentari sono solo alcune delle frasi che rincorrono i pericolosi “ho letto che” e “ho sentito dire che” tanto abusati.

Ogni mese, un articolo: per fare luce su informazioni e dis-informazioni legate al mondo del cibo e della salute.

Continua a seguirci e se vuoi saperne di più di un tema particolare, scrivici a marketing@risto3.it o mandaci un messaggio alla pagina Facebook cliccando qui. Cercheremo, se possibile, di dare delle risposte concrete ai tuoi dubbi.

Iscriviti alla nostra newsletter Resta aggiornato