Storie 22 aprile – Giornata Internazionale della Terra

In questa giornata internazionale dedicata alla Terra festeggiamo il nostro pianeta consapevoli che per tutelare il mondo in cui viviamo non bastano i grandi progetti mondiali, a fare davvero la differenza siamo noi.

Ma quali sono i comportamenti della tua quotidianità che aiutano davvero la Terra? Partiamo dall'alimentazione perchè scegliere un regime alimentare consapevole e sostenibile non è difficile e fa bene a te e all'ambiente.

Ecco 5 semplici regole che ti possono aiutare ad adottare uno stile di vita sostenibile:

  • Segui la dieta mediterranea: questo regime alimentare prevede un elevato consumo di cereali, frutta, verdura e legumi, la cui produzione richiede un impiego meno intensivo di risorse naturali (suolo, acqua) e di emissioni di gas serra rispetto ad un modello alimentare basato perlopiù sul consumo di carni e grassi animali. Si stima in media che per ottenere 100 calorie, la dieta mediterranea provoca un impatto ambientale di circa il 60% inferiore rispetto ad una alimentazione di tipo nordeuropeo o nordamericano, basata in misura maggiore su carni e grassi animali, piuttosto che su vegetali e cereali.
  • Scegli prodotti di stagione: il consumo degli alimenti rispettando la stagionalità degli stessi si traduce in una riduzione delle coltivazioni in serra e dei relativi impatti ambientali, così come dell’approvvigionamento e dei costi di trasporto da paesi lontani (food miles).
  • Acquista prodotti locali: cibi prodotti nelle nostre zone, tendenzialmente hanno un impatto ambientale minore, perché il percorso dal produttore al consumatore è breve (accorciamento della catena di approvvigionamento). Inoltre, gli alimenti locali sono più freschi e più ricchi di nutrienti perché non subiscono perdite qualitative durante il trasporto.
  • Non sprecare il cibo: ogni anno sprechiamo un terzo della produzione mondiale di cibo durante tutta la filiera: nei processi di conservazione, trasformazione, distribuzione e consumo. La quantità di cibo sprecato è quattro volte superiore a quanto necessario per sfamare le persone denutrite nel mondo. Lo spreco alimentare è un problema globale, che si verifica per molteplici motivi. Nei Paesi sviluppati si riscontra soprattutto nelle fasi finali della filiera alimentare, durante la vendita e il consumo (domestico – ristorazione) , mentre nei Paesi in via di sviluppo si concentra all’inizio della catena produttiva, ovvero nella fase di produzione, raccolta e distribuzione. E' quindi un problema economico e morale, ma anche ambientale: decomponendosi in discarica rilascia gas metano, un gas serra 20 volte più potente dell’anidride carbonica.
  • Quando fai la spesa, scegli prodotti con pochi imballaggi: le confezioni alimentari (packaging alimentare) hanno diverse funzioni , tra cui proteggere e conservare l’alimento. Molto spesso, però, oltre alla confezione primaria, gli alimenti sono avvolti da imballaggi aggiuntivi, che hanno tendenzialmente funzione di attirare il consumatore e spingerlo all'acquisto. Prediligere quando possibile alimenti sfusi, alla spina o con pochi imballaggi è un’azione sostenibile!

Con questi comportamenti sostenibili possiamo festeggiare questa giornata internazionale dedicata alla terra e celebrarla ogni singolo giorno!

 

Iscriviti alla nostra newsletter Resta aggiornato