Storie Quanto pesa lo spreco alimentare?

Lo spreco alimentare: i numeri nel mondo e in Italia

Cina, Stati Uniti e speco alimentare: questo il podio nella classifica dei principali produttori di CO2. Eh sì, perché se lo spreco alimentare fosse uno stato, con le sue 3.3 tonnellate di C02 prodotta pari al 7% delle emissioni globali, sarebbe superato solo da Cina e Stati Uniti.

In Italia, lo spreco alimentare è quantificato in 15 milioni di euro ma il dato che più sorprende è che di questi più dell’80% è prodotto nell’ambiente domestico. Pane, verdura e frutta gli alimenti che vengono più spesso gettati. Il 14% è invece prodotto all’interno della filiera agroalimentare nelle fasi tra la raccolta e la vendita al dettaglio.

Da questi dati è evidente che la responsabilità è a carico di ciascuno di noi, nessuno escluso. Sono dati allarmanti resi ancora più drammatici se messi a confronto con quelli della fame nel mondo. 820 milioni di persone soffrono la fame mentre 2 miliardi sono obese o in sovrappeso e il disequilibrio è in costante crescita. Viviamo oggi una divisione del mondo non più così netta come eravamo abituati a pensare, che vedeva una chiara contrapposizione tra paesi industrializzati e in via di sviluppo: all’interno della nostra stessa società a fronte di un assurdo spreco alimentare, si trovano situazioni di povertà e denutrizione.

Piccoli grandi contributi quotidiani

Ecco il decalogo che anche tu puoi seguire per dare il tuo contributo ed evitare lo spreco:

  1. La spesa intelligente: pianifica la tua spesa, fai la lista dei prodotti e rispettala passo per passo
  2. Butta l’occhio alla scadenza: controlla le date senza dimenticare che “da consumare preferibilmente entro il” e “da consumare entro” hanno due significati diversi
  3. Controllo visivo…regolare: non acquistare prodotti con segni di alterazione, anche se solo sulla confezione
  4. Usa e poi subito in frigo: non tenere troppo tempo a temperatura ambiente i prodotti altamente deperibili
  5. Temperatura ok: verifica il corretto funzionamento di frigorifero e congelatore
  6. Ad ogni prodotto il suo ripiano: segui le indicazioni a, il cibo si conserverà più a lungo
  7. La corretta conservazione: gli alimenti deperibili riponili in frigo in contenitori per alimenti. Utilizza l’imballaggio originale solo se specificato.
  8. Prima il vecchio poi il nuovo: porta sempre avanti i cibi più vecchi, sia in frigorifero che in dispensa
  9. Attenzione alla quantità: servi porzioni più piccole e proponi piuttosto il bis.
  10. Nuova vita per gli avanzi: non buttarli ma reinventali in nuovi piatti e ricordati di riscaldarli bene prima di consumarli.

Agenda 2030 per costruire insieme il nostro futuro sostenibile!

 

Iscriviti alla nostra newsletter Resta aggiornato